LE TORRI “IN SELLA”

LE TORRI DELLA SELLA DEL DIAVOLO

le torri della sella del diavolo

il nostro tour dietro casa…

Abbiamo iniziato a camminare dal parcheggio del CONI, vicino alla piscina comunale. si affianca l’Hotel  Panorama e si scivola via fino al ponte pedonale (via dello sport) che attraversa l’asse mediano ed il canale. si scende dalle scale alla nostra destra e via fino alla diga foranea. e si inizia a percorrere tutta la passeggiata del lungo mare Sant’Elia. Si attraversa il bunker ed il suo ponte, e porticciolo.

Si arriva al lazzaretto, si svolta in direzione via borgo sant’Elia seguendo il perimetro del campo di calcio. subito davanti a noi la torre del prezzemolo. si prosegue nella sua direzione costeggiandola da sotto, si arriva ad il sentiero (inizio sentiero pannello segnaletico) e si gira a sinistra, tornando indietro in direzione della torre del prezzemolo (oo2). 8Si 12arriva al promontorio della torre ed al suo vecchio ingresso. una volta ammirata la torre si procede in direzione opposta al mare su verso il forte sant’Ignazio. Si incontreranno tra la torre ed il forte molti edifici abbandonati, bunker e vecchi tunnel che l’esercito usava durante la seconda guerra mondiale. arrivati al forte sant’Ignazio si ammira cagliari, castello ed i suoi nuovi e vecchi quartieri da una vista impressionantemente unica. Abbandonato il 11forte si prosegue per il vecchio sentiero in direzione Faro. Anch’esso una vecchia torre modificata in Faro, il Faro di Sant’Elia è simile a torre grande ad Oristano. si procede in direzione dell’albergo tramite la strada asfaltata ( purtroppo il sentiero lungo la costa è inagibile). si arriva al sentiero naturalistico predisposto dai volontari delle associazioni ecologiste Amici della Terra e Gruppo d’Intervento Giuridico grazie alla collaborazione del Comando Militare autonomo della Sardegna e del Comando Militare Marittimo autonomo in Sardegna, titolari dell’area demaniale militare della Sella del Diavolo. Si tratta di un sentiero ben tracciato, segnalato da segnavia di colore giallo-verde, in parte percorribile anche inmountain bike.

Una volta giunti nel piazzale sovrastante laspiaggia di Calamosca, si svolta a sinistra nelle vicinanze dell’Hotel-Ristorante Calamosca; si percorre la strada fino alla fine e si individua l’inizio del sentiero, sulla sinistra del cancello di una proprietà privata.

Il primo breve tratto del sentiero sale ripido sullaroccia calcarea, per cui occorre prestare un minimo di attenzione in caso di pioggia per via del fondo scivoloso. Dopo pochi metri il sentiero prosegue in piano, in direzione N-E; in questo tratto si possono ammirare il mare turchino e limpidissimo della piccola Cala Fighera; inoltre, lo sguardo può spaziare sul Golfo degli Angeli(Golfo di Cagliari), sulla Torre dei Segnali con ilFaro di Cala Mosca e oltre, a ovest, verso loStagno di Cagliari, il porto canale e l’area industriale di Macchiareddu.

Si scende quindi lungo un ripido sentierino in direzione E, fino a raggiungere una stretta valle (un vero e proprio canyon scavato dall’acqua nel promontorio calcareo) da cui si dipartono dei sentierini che permettono di raggiungere la suddetta Cala Fighera. Il sentiero naturalistico prosegue invece in salita, tra la vegetazione che comprende peculiarità botaniche come la Palma di S. Pietro, olivastri e ginepri.

Si raggiunge così un pianoro panoramico da cui si possono ammirare le falesie calcaree sottostanti e le acque azzurre e trasparenti che lambiscono le spiaggette adiacenti alla Grotta dei Colombi. Quest’ultima è costituita da un’ampia cavità naturale che si apre appena sopra il livello del mare; il suo nome deriva dalla grande quantità di colombi selvatici che in passato vi nidificavano e, per lungo tempo, è stato legato a una leggenda locale secondo cui la cavità sarebbe stata abitata da uno spettro maligno di nome Dais. Verso est, lo sguardo può spaziare sulla spiaggia del Poettoe sulla parte orientale del Golfo degli Angeli, fino ad individuare, nelle giornate limpide, Villasimius e il Capo Carbonara.

Da questa zona si prosegue in direzione N, in leggera salita, fino a raggiungere la sommità del promontorio della Sella del Diavolo, dove si trovano i resti di un fortino della II Guerra Mondiale e della Torre di Sant’Elia, realizzata dai Pisani nel 1292. Nelle vicinanze si può inoltre osservare una cisterna punica, di forma trapezoidale, dalle notevoli dimensioni di 27 metri di lunghezza per 4,5 metri di profondità. Non lontano vi è un’altra cisterna romana, dalla classica forma a sezione tronco-conica. Secondo la tradizione sarebbe avvenuto in questi luoghi, durante le persecuzioni di Diocleziano, il martirio diS. Elia.

Sempre in direzione N, dopo circa 100 metri si raggiunge il punto trigonometrico sul bordo della falesia, da cui la vista spazia su tutto il Golfo di Cagliari. In prossimità di questo punto, il più elevato del promontorio della Sella del Diavolo (m 135 slm), esisteva nel periodo punico un luogo di culto dedicato alla dea Astarte.

Una volta rientrati al punto trigonometrico, per il rientro si procede in direzione O fino ad individuare un sentiero ben tracciato, che successivamente diventa largo e battuto e scende in direzione NW fino all’ingresso dell’Hotel-Ristorante Calamosca. Lungo la discesa si trova comunque una deviazione, sulla propria sinistra, che permette di ricongiungersi al tratto iniziale del sentiero. Se si scende in direzione dell’albergo, invece, si percorre l’ultimo tratto di strada asfaltata e si arriva al campetto di calcio si passa dietro in direzione della ex cabina enel. si arriva al parcheggio di Marina Piccola tramite un viale di olivi. finiti i parcheggi si gira a destra direzione cartello con su scritto zona militare e si imbocca il sentiero tra i due cancelli e si arriva dopo circa un chilometro e mezzo alla semi-diroccata Torre del Poetto, facente parte del sistema di difesa ed avvistamento creato dagli Spagnoli nel XVI secolo; si torna in dietro sullo stesso sentiero e si arriva ad i parcheggi

 

a sabato notte..

nik

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...